Il CBD può aiutare in caso di insonnia o mancanza di sonno?

Il CBD può aiutare in caso di insonnia o mancanza di sonno?

In media, dormiamo tra i 25 e i 27 anni nel corso della nostra vita, ovvero quasi 1/3 della nostra vita. È un sacco di sonno! Ma mentre alcune persone non sognano altro che unirsi alle braccia di Morfeo durante la giornata, per altre può essere una vera e propria fatica. Quindi, il CBD aiuta a combattere i disturbi del sonno? Ve lo dico subito.

Come definire i disturbi del sonno?

L'insonnia e l'ipersonnia sono le due condizioni più comuni legate al sonno, ma secondo l'American Academy of Sleep ne esistono oltre 85 diverse. Si parla di disturbi del sonno quando una persona si lamenta di non dormire abbastanza, di dormire troppo o di dormire male. In breve, tutti coloro che hanno un ciclo di sonno negativo sono potenzialmente interessati.

Per essere classificata come disturbo del sonno, la condizione deve essere cronica o avere un'insorgenza improvvisa e un impatto sulla routine quotidiana e sulla qualità della vita dell'individuo.Esistono due principali famiglie di tipi di patologia.

L'insonnia, che colpisce circa il 20% della popolazione francese, per non parlare del fatto che il debito di sonno è in costante aumento. Questi disturbi sono spesso causati dallo stress e dall'incapacità di rallentare l'attività cerebrale al momento di coricarsi. Esistono vari tipi di insonnia:

  • Insonnia cronica ;
  • Insonnia ;
  • Insonnia idiopatica, ecc.

In caso contrario, si tratta di ipersonnie, cioè di un tempo di sonno più lungo del normale. Le ipersonnie sono anche classificate in varie condizioni:

  • Narcolessia ;
  • Ipersonnia idiopatica ;
  • Sindrome di Kleine-Levin, ecc.

Disturbi del sonno o insonnia: come può aiutare il CBD?

Per capire come il CBD possa aiutare i disturbi del sonno, vi spiegherò brevemente come funziona il nostro corpo e soprattutto dove agisce il cannabidiolo. Se avete già visitato il nostro blog, dovreste sapere che abbiamo un sistema endocannabinoide (proprio come alcuni animali). Questo sistema molto complesso, che è ancora oggetto di studio da parte degli scienziati, è composto da due recettori principali: CB1 e CB2 .

Se ricordate quanto ho spiegato prima, il cannabidiolo si lega ai recettori CB1 e CB2. Questa azione modifica i messaggi inviati al cervello e al corpo. In effetti, i cannabinoidi, così come sono, svolgono un ruolo di regolazione con questi recettori, che a loro volta agiscono sul sistema nervoso.

I recettori CB1 sono direttamente collegati al sistema nervoso. L'iniezione di CBD riduce quindi l'intensità e l'attività neuronale. Questo processo riduce a sua volta lo stress, l'ansia e persino l'infiammazione e il dolore. Grazie a questo effetto rilassante e distensivo, il cannabidiolo aiuta a rilassare e sciogliere i muscoli, riduce significativamente lo stress e allevia il dolore cronico. Tutti questi benefici permettono di migliorare la fase critica dell'addormentamento.

Visitate il nostro negozio per acquistare il CBD per il sonno.

CBD e sonno: il punto di vista scientifico

Come continuiamo a sottolineare, gli studi sul CBD e sugli altri cannabinoidi sono ancora in pieno svolgimento. L'OMS non ha ancora affermato direttamente che il CBD cura i disturbi del sonno, ma sempre più studi dimostrano che il CBD ha un effetto positivo .

Ad esempio, nel 2019, lo studio Cannabidiolo nell'ansia e nel sonno ha dimostrato che il 66,7% dei soggetti ha migliorato il sonno durante il primo mese di trattamento. Allo stesso modo, il 79,2% dei soggetti ha sperimentato meno ansia nello stesso periodo. Già nel 2017, un altro studio intitolato Cannabis, cannabinoidi e sonno ha dimostrato che la sostanza riduce il rischio di apnea notturna. È stato inoltre riportato che il CBD stimola la vigilanza dei consumatori durante il giorno, soprattutto in coloro che riferiscono di dormire poco. Questo limiterebbe la sonnolenza diurna e aiuterebbe a regolare il ciclo circadiano. In poche parole, i risultati sono abbastanza convincenti e le aspettative per il CBD nel trattamento dei disturbi del sonno sono molto promettenti.

Come usare il CBD per i disturbi del sonno?

Anche il processo di assunzione del CBD è importante quando si usa il CBD per i disturbi del sonno. La cosa più importante è non assumere il CBD poco prima di andare a letto. Infatti, a seconda del modo in cui si sceglie di assumerlo, il CBD può richiedere fino a diverse ore per fare effetto. Si consiglia di assumerlo circa 2 o 3 ore prima di andare a letto.

In termini di assunzione, esistono due opzioni ottimali: l'olio di CBD o i fiori di CBD in infusione o vaporizzazione. L'olio di CBD è pronto all'uso e può essere assunto per via sublinguale. Mettete la dose desiderata sotto la lingua tra 20 minuti e 2 ore prima di andare a dormire. I fiori di CBD possono essere consumati per vaporizzazione, ma è necessario un dispositivo apposito, oppure per infusione, schiacciati e aggiunti all'acqua calda con una sostanza grassa come un po' di burro o di latte intero.

Alternative al CBD per i disturbi del sonno

Forse lo sapete, ma il CBD non è l'unica molecola derivata dalla cannabis. Esistono infatti oltre 100 cannabinoidi diversi, tra cui il CBG (cannabigerolo), un cannabinoide particolarmente indicato per i disturbi del sonno.

Infatti, il CBD ha un'affinità ancora maggiore con i recettori CB1 e CB2 rispetto al CBD. Ha un'azione diretta sul sistema endocannabinoide e sulla serotonina - l'ormone della felicità - mentre inibisce la captazione del GABA - il neurotrasmettitore presente nella maggior parte delle sinapsi cerebrali. Il CBG porta quindi a un estremo rilassamento e potrebbe ridurre l'ansia, favorendo così il sonno.

Scoprite il nostro olio CBG qui.

Conclusione: si può assumere CBD per dormire meglio?

In conclusione, il CBD può essere assunto per aiutare a dormire meglio. Tuttavia, bisogna tenere presente che se non si soffre di disturbi del sonno preesistenti, il CBD non farà dormire meglio. La sostanza è efficace in questo senso solo per chi ne soffre.

Quindi, anche se il CBD è sicuro e non è possibile un sovradosaggio, è sempre necessario il parere del medico. Non esitate a fissare un appuntamento con il vostro medico per avere il suo parere.

Si noti che l'acquisto di CBD è un'alternativa naturale, ma non sostituisce il trattamento medico se necessario. Inoltre, chiedete sempre il parere del vostro medico se siete in cura, perché potrebbero esserci delle controindicazioni.

Torna al blog

Lascia un commento

I commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati.